BAR TRATTORIA ANCONELLA   Piatti tipici bolognesi e carni toscane, crescentine e piadine.         

 

 

 

 

 

Via Anconella, 41/43 40050 Loiano (BO)


Tel. 051-928373

 

 

Gradita la Prenotazione                                                     Chiuso il Giovedý


 

Piatti tipici bolognesi e carni toscane, crescentine e piadine.

 

A pranzo e a cena con i men¨ tradizionali bolognesi, la pasta fresca fatta in casa, i tortellini, le tagliatelle, i funghi, la pasta al torchio con i profumi ed i sapori di una volta. 
La carne toscana, le fiorentine, le grigliate miste, sono ottime abbinate alla vasta scelta di vini, proposti direttamente dalla vecchia cantina scavata nella roccia

 

 

Tradizione e Buon Gusto.

 

La Trattoria dell'Anconella Ŕ sita in uno degli insediamenti pi¨ caratteristici del territorio di Loiano e quello dell’Anconella, un antico borgo risa- lente in gran parte al ’500.
Il borgo, sempre pi¨ meta di gite fuori porta, si allarga attorno ad una caratteristica costruzione a colonnato un tempo sede di Ospitale di sosta per i pellegrini: l’antico tracciato della strada per Firenze passava infatti dall’Anconella.
Oggi ospita una caratteristica osteria, all’interno della quale e possibile ammirare uno stupendo camino con lo stemma della nobile famiglia dei Bentivoglio, osteria che e diventata una tappa fondamentale per i numerosi escursionisti che vogliono ritemprarsi lo spirito... ma non solo.
Tra gli altri edifici di importanza storica va ricordata la Chiesina, ampliata nel ’700 ed i resti di un antico oratorio risalente al ’300.
Ancora visibili sono le cosiddette ’buse nelle lastre’, rifugi scavati nell’arenaria e che fungevano da deposito per materiali, ricovero per animali domestici quando non, in alcuni casi, da riparo per persone.

 

Il Borgo dell'Anconella.

 

 

Il Borgo dell’Anconella Ŕ frazione di Loiano assieme a Barbarolo, Bibulano, Loiano, Roncastaldo, Scanello e Scascoli, divisione territoriale ereditata dalle primitive unitÓ parrocchiali precomunali (CLICCA QUI PER INFO)

 

Sviluppatosi lungo i lati dell’omonima strada, dista 1,5 km da Sabbioni (frazione del comune di Loiano attraversata dalla S.S. 65 della Futa) e 35 km da Bologna.

(Clicca qui per info storiche sulla statale della Futa)

Dal borgo la strada prosegue e si biforca, in direzione nord verso La Guarda ricongiungendosi quindi alla Futa prima di raggiungere Livergnano, in direzione est, passando accanto alla chiesa parrocchiale di S.Vittore, verso Scascoli ricongiungendosi alla recente strada di Fondovalle Savena.

Il borgo si inserisce in un contesto paesaggistico collinare caratterizzato da un accentuato movimento morfologico, tra consistenti affioramenti di roccia sedimentaria arenacea ed ampi tratti calancosi, infatti dal bivio di Sabbioni (574,8 m. s.l.m.) si scende fino ad un’altitudine di 516,3 m. s.l.m. in prossimitÓ del luogo nominato Capanno del Calanco per poi risalire fino a 531,2 m. s.l.m. all’Anconella.

Tra il borgo e la vicina chiesa di S. Vittore sgorga un fosso che scarica nel vicino Rio del Calanco che a sua volta intercetta altri rii (rio Ranocchio, rio delle Scove, rio Bosco Pulcino, rio Montalto) prima di immettersi nel torrente Savena alla quota di 305,6 m. s.l.m., coprendo una distanza di 3 km in linea d’aria. La vegetazione e l’impianto agricolo del suolo manifestano evidenti segni di un uso che si protrae da tempo, il bosco ceduo dominato dalla roverella ricopre le cime e le parti pi¨ scoscese dei versanti, mentre dove le pendenze e la profonditÓ dei terreni lo consente domina il seminativo e in prossimitÓ delle case si inserisce la vigna.

 

Il borgo dell’Anconella, sviluppatosi lungo i lati dell’omonima via, Ŕ caratterizzato dalla presenza del porticato che, in una fotografia di Fantini datata 16 luglio 1942 (F.1), terminava con una struttura, demolita durante la guerra per agevolare il passaggio di carri armati, costituita da un telaio ligneo tamponato con muratura in mattoni e poggiante su pilastri e muratura continua in sasso.

Tra le case di abitazione del borgo sono evidenti i segni di recenti restauri tesi a “rinnovare”, pi¨ che a conservare, l’aspetto maturato nel corso dei secoli, attraverso un pesante uso di intonaci e l’inserimento di elementi architettonici tipologicamente estranei.

 

I Giardini del Casoncello a pochi chilometri dal borgo sono frutto di un sapiente recupero dell'originario fondo agricolo di circa un ettaro lasciato in abbandono per oltre un trentennio, e' iniziato nel 1980, unitamente al ripristino del fienile e della casa colonica (la futura abitazione); per la casa padronale, ridotta ad una collinetta di macerie in seguito ai bombardamenti dell'ultima guerra e invasa da alberi di altro fusto, Ŕ stata fatta una operazione di " recupero archeologico ", creando poi un giardino sulla vecchia pavimentazione e sui resti di muro dissepolti.(CLICCA QUI PER INFO)
 

Vincenzo, Rita e Gianluca vi invitano a trascorrere un piacevole momento

 conviviale in un caratteristico stabile rurale

 di epoca medievale completamente ristrutturato dove potrete gustare i piatti

 tipici della cucina regionale con un tocco di fantasia in pi¨, in un clima di familiaritÓ,professionalitÓ e simpatia.

 

 

PRANZI DI LAVORO PER OPERAI e PRANZI TURISTICI:

A mezzogiorno dal Lunedý al Venerdý al prezzo di € 10,00
a persona, con Men¨ fisso, composto da primo, secondo, contorno, caffŔ, ╝ vino e Ż acqua.

 

 
PRANZI DI LAVORO AZIENDALI:

Riservato alle Ditte. Prenotando telefonicamente al numero 051 928373, si potrÓ avere uno sconto del 10% rispetto ai prezzi di Listino del Men¨.



CENE AZIENDALI:

Riservato alle Ditte. Contattando la TRATTORIA ANCONELLA, sia telefonicamente che attraverso e-mail, si potranno avere preventivi per cene aziendali e pranzi o cene per ricorrenze aziendali particolari.



PRANZI PER CERIMONIE DI BATTESIMI, COMUNIONI, CRESIME, E MATRIMONI:

Si potranno richiedere preventivi per pranzi per cerimonie, contattando il numero di telefono 051 928373, con ottimo trattamento, anche economico.



Si ricorda che la sala da pranzo pu˛ ospitare fino a 65 / 70 posti a sedere, secondo le varie disposizioni dei tavoli, tavoli singoli, tavolate a ferro di cavallo, tavoli regali o imperiali.

 

L’Appennino Bolognese in queste valli Ŕ rimasto fedele alla semplicitÓ e ai sapori della cucina delle trattorie: una cucina montanara che alle specialitÓ emiliane unisce quelle diToscana.

 

Da provare sono i tortelli di patate e le bistecche alla fiorentina.

 

Ogni anno tra la fine di ottobre e i primi giorni di novembre si svolgono manifestazioni e feste che hanno come protagonisti le castagne, i funghi e i tartufi, ottime occasioni per assaggi e deguşstazioni dei pi¨ classici prodotti dell’Appennino.